CANTERBURY/advice for a weekend/consigli

Canterbury: galleria fotografica.

Ho scattato personalmente le foto presenti nel sito, tranne quelle in cui ho indicato l’autore, o la fonte, dentro parentesi. I contenuti e le immagini, pubblicate su questo sito, sono di mia proprietà e non si possono copiare, ai sensi della legge sul copyright.

mappa dei luoghi - Inghilterra del Sud-Est
mappa dei luoghi – Inghilterra del Sud-Est
Cattedrale di Canterbury (foto trovata in internet)
Cattedrale di Canterbury (foto trovata in internet)

CANTERBURY. 

E’ una cittadina medievale del Regno Unito, situata nell’Inghilterra meridionale, vicina a Londra. Conta circa 55.000 abitanti. Fa parte del distretto della City of Canterbury. Abitata già molti secoli avanti Cristo, Canterbury, passò da villaggio a cittadina solo con l’arrivo dei Romani, al comando di Giulio Cesare. Dal 560 è capitale del Regno Sassone del Kent. Nel 597 divenne la prima Diocesi Cristiana nel Regno Unito, fondata da Sant’Agostino che riuscì a battezzare il re del Kent, completando la sua opera di evangelizzazione. Da lì ebbe origine il primato religioso di Canterbury.

Attualmente è molto famosa per il suo College, per l’Università del Kent, per la maestosa Cattedrale, per i ruderi dell’Abbazia di Sant’Agostino, per l’antica Chiesa di San Martino e per tante altre attrazioni turistiche. La cittadina, essendo sede universitaria, brulica di gioventù multietnica. Per questo motivo le occasioni per il divertimento e l’intrattenimento serale non mancano mai. E’ piena di bei locali, ristoranti, hotel e ostelli.

La mia esperienza

Ho già spiegato qui il motivo per cui negli articoli relativi alla vacanza in Inghilterra, ho inserito diverse foto non mie ma scaricate da internet. Potete leggerlo sotto il paragrafo che descrive Londra, dove parlo della mia esperienza. Prima di giungere a Canterbury ho acquistato, come al solito online, alcune buone guide e una mappa, che descrivono i luoghi, le tradizioni, i locali più in voga, i numeri telefonici da tener presente, i percorsi turistici, ecc. Questi sono i link: Pocket MapCity Guide, The best pubs, restaurants, sights and places to stay (Cool Places, UK Travel, Guides Book),  With City Centre Map and Illustrated Walk ,  A-Z Street Atlas Map whit the Isle of Thanet.

E per spedizioni veloci, accesso alle Offerte speciali di Amazon e allo spazio illimitato di archiviazione per le foto, potete iscrivervi e ordinare i vostri prodotti qui.

Troverete alcuni consigli, in fondo alla pagina, su dove acquistare online gadgets simpatici, come magliette, cappellini, copricuscini, tappetini per il mouse, ed altro ancora, con le immagini del luogo, ad ottimi prezzi. Potrete chiedere di stampare sugli oggetti, che più gradite, le immagini dei luoghi da voi riprese. Diventerà così un pezzo unico e un’idea originale per un regalo o un ricordo da tenere a casa. Io ho usufruito del servizio e sono rimasta molto contenta.

Sono partita da Londra, dove alloggiavo, con un treno diretto. Fortunatamente il sole tiepido inglese di fine giugno mi ha permesso di scegliere un abbigliamento a cipolla senza dovermi preoccupare di portare dietro l’ombrello. Ho infilato sulle spalle il mio zainetto, con i viveri, e sono salita sul treno dalla stazione Kings Cross St. Pancras, la più vicina al mio Hotel. Ho impiegato circa un’ora per giungere a destinazione. I biglietti possono essere acquistati in loco, presso le macchine automatiche, oppure online. Il costo è di circa 42 euro, andata e ritorno. Esiste anche un servizio autobus che parte da Londra, costa molto meno, ma impiega molto più tempo, circa due ore.

Christ Church Gate

Dalla fermata del treno si arriva facilmente nel centro cittadino a piedi, in circa 10 minuti. Per prima cosa ho deciso di visitare la Cattedrale. Per accedervi ho dovuto attraversare l’antica porta della città che si chiama Christ Church Gate.

Christ Church Gate (immagine trovata in internet)
Christ Church Gate (immagine trovata in internet)

Cattedrale di Canterbury

Come ho già detto, la mia prima tappa è stata la monumentale Cattedrale. Una volta arrivata ai piedi dell’edificio, mi sono fermata per un pò ad ammirarlo dall’esterno. I volumi protesi verso l’alto lasciano senza fiato, per dimensione e magnificenza decorativa. Il nome completo è Cattedrale Primaziale metropolitana di Nostro Signore Gesù Cristo di Canterbury. E’ una delle più antiche e conosciute Chiese Anglicane d’Inghilterra. Il suo Vescovo è infatti l’Arcivescovo Padre di tutta l’Inghilterra. I turisti accorrono in massa per visitarla. Ospita il famoso santuario dell’arcivescovo medievale Tommaso Becket. Si trova all’interno delle mura medievali della cittadina.

Canterbury Cathedral-interno
Canterbury Cathedral-interno (immagine trovata in internet)

La prima costruzione avvenne per volontà del Vescovo Agostino, nel 597 a.C., che sbarcò su queste coste per evangelizzare la popolazione inglese. Agostino fondò anche un monastero e divenne il primo vescovo di Canterbury. L’originaria chiesa in stile anglosassone fu distrutta da un incendio. Fu ricostruita due volte: dopo l’attacco vichingo del 1013 e dopo la conquista normanna del 1066.

Canterbury Cathedral-interno (immagine trovata in internet)

La Cattedrale presenta, sia all’interno che all’esterno, elementi architettonici in stile gotico inglese, realizzati soprattutto da due architetti: il francese William di Sens e l’inglese Henry Yevele. La pianta della cattedrale è a doppia croce, a tre navate ed è lunga 168 metri.

Canterbury-vetrate della Cattedrale
Canterbury-vetrate della Cattedrale (immagine trovata in internet)

Conserva la più importante collezione del mondo di vetrate in magnifico vetro istoriato risalente al XIII secolo scampate all’iconoclastia del periodo della riforma anglicana e ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Si trovano nella Cappella della Corona e raffigurano scene del Nuovo e del Vecchio Testamento (Finestre della Bibbia), le storie dei miracoli e la genealogia del Cristo.

La parte orientale della cattedrale è unita a quella occidentale per mezzo di una scalinata e al centro vi sorge una grande torre – la Bell Harry Tower – costruita nel XV secolo. Il Grande Chiostro della Cattedrale mostra sulla volta più di 800 scudi araldici, simboli delle famiglie che nei secoli hanno contribuito alla costruzione e al restauro della cattedrale. Re Enrico IV e la sua Regina, Giovanna di Navarra, sono gli unici sovrani inglesi a essere stati seppelliti nella Cattedrale.

Bell Harry Tower, Canterbury Cathedral, Canterbury, England
Bell Harry Tower, Canterbury Cathedral (immagine trovata in internet)
volta della Bell Harry Tower, Canterbury Cathedral
Volta della Bell Harry Tower, Canterbury Cathedral (immagine trovata in internet)
interno della Cattedrale di Canterbury
Chiostro della Cattedrale di Canterbury (immagine trovata in internet)
Chiostro della Cattedrale di Canterbury (immagine trovata in internet)
Cattedrale di Canterbury (immagine trovata in internet)

La Cattedrale di Canterbury fu lo scenario dove si consumò uno dei più inquietanti episodi della storia della chiesa britannica: l’assassinio dell’Arcivescovo Thomas Becket nel 1170. Dopo questo episodio Canterbury divenne una delle principali mete di pellegrinaggio cristiano.

Questo misterioso assassinio creò un alone di mistero intorno alla Cattedrale ispirando autori inglesi, come il grande drammaturgo Thomas Stearns Eliot nella sua rappresentazione teatrale “Assassinio nella cattedrale”. In fondo alla pagina vi ho inserito alcuni consigli su dove trovare il suo libro, in versione cartacea o in formato ebook, ad un ottimo prezzo. Basta cliccare sul link-immagine per vederlo.

I “Racconti di Canterbury”, capolavoro del famoso primo poeta inglese Geoffrey Chaucer, narrano, invece, lo stravagante viaggio di un gruppo di pellegrini da Londra al santuario di Tomas Becket. L’opera offre uno spaccato della società inglese del sec. XIV. La metafisica medievale della commedia umana. In fondo a questo articolo, sono riportati alcuni consigli su dove trovare il libro in versione cartacea o in versione Kindle per ebook. Vi ho indicato anche dove trovare il DVD sul film realizzato da Pasolini. Per vederli basta cliccare sui relativi link-immagine.

Prima di visitare questa pittoresca cittadina vi consiglio caldamente di leggere i libri di questi grandi personaggi della letteratura inglese perchè comprenderete meglio il contesto storico, i luoghi e lo spirito della gente del luogo. In questo modo gusterete con più consapevolezza l’atmosfera d’altri tempi che si respira a Canterbury, ritrovandovi pervasi dalla curiosità di vedere, con i vostri occhi, i luoghi descritti nei racconti.

L’abbazia di Sant’Agostino

Ospita i resti di Sant’Agostino. Insieme alla Cattedrale e alla chiesa di San Martino costituisce uno dei più spettacolari siti storici inglesi. Sono stati dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Chiesa di Sant’Agostino (foto trovata in internet)

Nell’anno 597, Agostino arrivò in Inghilterra, inviato da Papa Gregorio I, per quella che oggi viene chiamata “missione di risveglio”. Il re del Kent, in quel periodo, era Ethelbert che sposò la cristiana Bertha. A prescindere dal fatto che sia stato influenzato dalla moglie, gli venne permesso di fondare un monastero subito fuori dalle mura di Canterbury. Oggi, sono visibili importanti resti della grande chiesa abbaziale del periodo romanico, che sostituì gli edifici sassoni.

Vi troviamo anche resti delle tombe sassoni e, ad est, la chiesa di San Pancrazio, antico tempio pagano trasformato dai cristiani. L’abbazia fu dissolta nel 1583 e poi demolita. Quello che ne è rimasto è occupato dal St Augustine’s College. La grande porta, risalente agli inizi del sec. XIV, è molto bella.

L’edificio venne affittato ad una stirpe di nobili, e nei primi anni del 1600 era sotto il controllo di Edoardo Lord Wotton, che assunse John Tradescant il Vecchio per creare giardini attorno ad esso. Si pensa che il palazzo sia sopravvissuto fino alla grande tempesta del 1703, che certamente causò molteplici danni alla struttura già rovinata.

Le rovine di questo importante edificio monastico, costruito da sant’Agostino, sono protette dall’English Heritage. Coprono una vasta area. Infatti, nei suoi giorni migliori, la chiesa competeva per grandezza con la Cattedrale di Canterbury. Il Santo ivi venerato è cattolico e il suo culto ufficiale è regolato dalla Chiesa Cattolica.

Chiesa di San Martino

E’ spostata leggermente rispetto al centro cittadino, ed è la più vecchia chiesa parrocchiale inglese, usata fino ad oggi senza interruzioni.

Chiesa di San Martino
Chiesa di San Martino (foto trovata in internet)

Fu la cappella privata della regina Bertha del Kent, nel sec. VI, moglie del re Ethelbert, prima dell’arrivo di Sant’Agostino da Roma. Alcuni ritrovamenti provano che la cristianità esisteva in questa regione già in quel periodo. La chiesa custodisce mattoni di fattura romana mai utilizzati. Il suo aspetto però non ricalca la tipologia romana, potrebbe essere stata costruita poco dopo la partenza dei romani, all’inizio della migrazione anglosassone della metà del sec. IV.

Il giardino della chiesa contiene le tombe di molte famiglie locali importanti e di personaggi famosi. La chiesa possiede una forte tradizione musicale fin dal tempo di san’Agostino. La prima domenica di ogni mese avviene un incontro in cui si esibisce un gruppo musicale.

Il centro della cittadina

La temperatura è fredda, con abbondanti precipitazioni, nel periodo invernale. E’ consigliabile visitarla nel periodo estivo per ammirare a tutto tondo le bellezze architettoniche che la caratterizzano. Viuzze ciottolate, alte mura possenti che la circondano, scorci suggestivi tra le casette del centro cittadino che si estende a misura d’uomo. Tramite la Westgate (Porta Ovest) si accede alla via principale della cittadina, St. Peter’s Street. La Westgate era un posto di guardia militare nel medioevo, tra le mura che circondavano il borgo. E’ alta m. 18 ed è la porta medievale più grande, tra quelle sopravvissute allo scorrere del tempo, in Inghilterra. Costruita intorno al 1379, è anche l’ultima superstite delle sette porte medievali di Canterbury, ancora ben conservata ed è uno dei monumenti più caratteristici della città. La strada principale del centro cittadino passa ancora tra le sue torri a tamburo. Ospita il Museo “West Gate Towers”.

Westgate e fiume Stour (immagine trovata in internet)
Westgate
Westgate (immagine trovata in internet)

L’edificio storico più caratteristico e fotografato, situato nel centro di Canterbury, si chiama “Old Weavers House”, sul fiume Stour. Il fiume lambisce un fianco laterale dell’edificio che attualmente ospita un rinomato ristorante. La casa prende il nome dai tessitori fiamminghi che si stabilirono nella zona dopo la fuga dalle persecuzioni religiose nel corso dei secoli 16 e 17. Elisabetta I concesse ai tessitori fiamminghi il diritto di stabilire le loro attività a Canterbury. Nonostante la data 1500, riportata vistosamente  sopra la porta, questa casa risale probabilmente al sec. XIV.

L’edificio attuale risale in gran parte ad una ricostruzione nella seconda metà del sec. XVI. Nel periodo della caccia alle streghe, durante gli anni bui del medioevo, la donna sospettata di esserlo, veniva calata nel fiume Stour, da questo edificio, e tenuta sott’acqua per diversi minuti. Se la donna non annegava, veniva dimostrato che era una strega. Se invece annegava, il suo nome veniva cancellato dall’elenco delle sospettate. Agghiacciante immaginare la scena!
The Old  Weawers House (immagine trovata in internet)

Recandosi in un piccolo approdo sul fiume, nel retro della Old Weavers, si può prendere parte ad un pittoresco tour in barca. Molto suggestivo devo dire!

Le antiche Weawers Houses (immagine trovata in internet)
The Old Weawers House (immagine trovata in internet)
Canterbury – piazza (immagine trovata in internet)
Canterbury (immagine trovata in internet)

Da non perdere, avendo tempo a disposizione, una visita alla Canterbury Tales Visitor Attraction, dove le immagini, i suoni e gli odori dell’Inghilterra medievale riprendono vita. Il mondo del famoso poeta Chaucer riprende vigore in una serie di rappresentazioni teatrali basate sui suoi “Racconti di Canterbury”, ambientati nell’Inghilterra del sec. XIV. Anche i bambini si divertono ad assistere a questi spettacoli, messi in scena nell’incantevole chiesa, in stile pre-gotico inglese, di St. Margaret.

Chiesa di St. Margaret - sede della "Canterbury Tales Visitor Attraction"
Chiesa di St. Margaret – sede della “Canterbury Tales Visitor Attraction” (immagine trovata in internet)

“I racconti di Canterbury”, vennero scritti dal poeta inglese durante un periodo di tumulto sociale, a seguito dell’epidemia di peste che aveva decimato la popolazione inglese. Ciò che interessa cogliere, è la morale, la lezione di vita, che si può trarre da ciascuno dei racconti inscenati.

“The Canterbury Tales Visitor Attraction” è aperto tutto l’anno e prevede un costo d’ingresso. Vi consiglio di prenotare con largo anticipo perchè brulica sempre di turisti curiosi. Si trova nel cuore della cittadina ed è facilmente raggiungibile a piedi.

Herne Bay

La baia di Herne dista solo sette miglia da Canterbury. E’ una bella località balneare situata nella zona nord-est del Kent, ideale per le famiglie e per passare un weekend spensierato e divertente, lontano dalla routine e dal caos cittadino. E’ piena di bei localini, pub, ristoranti e hotel. Insieme alle campagne circostanti, offre svariate opportunità per esplorare le bellezze naturali della Gran Bretagna. Se ne avete il tempo, vi consiglio di farci un salto. Il periodo migliore per visitarla è l’estate.

Herne Bay (immagine trovata in internet)
herne-bay
Herne Bay (immagine trovata in internet)
Herne Bay Pier (immagine trovata in internet)
Reculver Towers
Reculver Towers – Herne Bay (immagine trovata in internet)
Herne Bay (immagine trovata in internet)
Centro abitato – Herne Bay (immagine trovata in internet)
Memorial Park
Memorial Park – Herne Bay (immagine trovata in internet)
Memorial Park - Herne Bay (immagine trovata in internet)
Memorial Park – Herne Bay (immagine trovata in internet)
Memorial Park – Herne Bay (immagine trovata in internet)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*