ESCORIAL/advice for a weekend/consigli

Escorial/MONASTERO DELL’ESCORIAL: galleria fotografica.

Ho scattato personalmente le foto presenti nel sito, tranne quelle in cui ho indicato l’autore, o la fonte, dentro parentesi. I contenuti e le immagini, pubblicate su questo sito, sono di mia proprietà e non si possono copiare, ai sensi della legge sul copyright.

mappa dei luoghi - Spagna del nord-ovest
mappa dei luoghi – Spagna del nord-ovest

MONASTERO DELL’ESCORIAL 

(anche detto di San Lorenzo de El Escorial)

si trova nella comunità autonoma di Madrid, nel comune di San Lorenzo de El Escorial. Fu fatto costruire da Filippo II come residenza e Pantheon dei re di Spagna, fu anche convento e chiesa dal 1563 al 1584. Nel 1984 è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. 

La mia esperienza 

Innanzitutto, a meno che non conosciate molto bene la lingua spagnola, vi suggerisco di munirvi di un manuale tascabile. Vi aiuterà a non sentirvi completamente spaesati nel momento del bisogno. Inoltre sarebbe opportuno anche acquistare una guida sull’Escorial. Vi illustrerà, sotto diversi aspetti, i luoghi che potreste visitare, i segreti locali, ed altro ancora. In fondo alla pagina vi ho inserito alcuni consigli.

E per spedizioni veloci, accesso alle Offerte speciali di Amazon e allo spazio illimitato di archiviazione per le foto, potete iscrivervi e ordinare i vostri prodotti qui.

Troverete alcuni consigli, in fondo alla pagina, su dove acquistare online gadgets simpatici, come magliette, cappellini, copricuscini, tappetini per il mouse, ed altro ancora, con le immagini del luogo, ad ottimi prezzi. Potrete chiedere di stampare sugli oggetti, che più gradite, le immagini dei luoghi da voi riprese. Diventerà così un pezzo unico e un’idea originale per un regalo o un ricordo da tenere a casa. Io ho usufruito del servizio e sono rimasta molto contenta.

Alloggio e mezzi pubblici

Come ho già scritto in altri articoli, i collegamenti pubblici sono molto efficienti in Spagna. Sono arrivata a San Lorenzo de El Escorial partendo con la linea Alsa autobus, da Valladolid,  dove alloggiavoAbbiamo impiegato circa due ore per giungere a destinazione. Facendo il biglietto “Ida y Vuelta” (andata e ritorno) si risparmia. Il costo è circa 20 euro. Si può acquistare online sul sito http://www.goeuro.es/. Il biglietto del servizio ferroviario renfe costa di più. La stazione degli autobus non è lontana dal Monastero dell’Escorial che si può raggiungere a piedi in circa 20 minuti. La strada è tutta in salita quindi è opportuno andare con scarpe comode e abbigliamento consono.

La storia 

Il Monastero custodisce i segreti della storia di Spagna ed è il tempio della cultura e dell’arte dei secoli XVI e XVII. Furono chiamati all’opera, dall’Italia e dalla Spagna, gli artisti più accreditati del tempo. Filippo II (1527-1598) quando decise di elevare al rango di capitale la città di Madrid, fino a quel momento considerata solo un borgo di media importanza situato però strategicamente al centro della penisola iberica, parallelamente decise di costruire per sé e per la sua dinastia un “palazzo-monastero” che fosse contemporaneamente residenza, luogo di preghiera e sede di sepoltura, una sorta di “fortezza-rifugio reale”, isolata in mezzo alla sierra.

L’architettura

Il complesso monumentale è considerato un esempio di stile manieristico herreriano in quanto il progetto fu portato a termine nel 1594 dall’architetto Juan de Herrera. L’enorme costruzione, di forma quadrangolare con quattro torri angolari e una facciata monumentale, è lunga 208 metri e larga 162, è costruita con granito grigio-bruno, le coperture sono in lastre di ardesia blu e si compone di 2000 stanze, 2600 finestre, più di 1200 porte, 86 scaloni, 16 cortili, 15 chiostri e 88 fontane. La pianta dell’edificio è a forma di graticola in ricordo del supplizio subito da San Lorenzo che morì arso vivo.

Il paesaggio

Il luogo in cui sorge è una località incantevole poichè è immersa in uno splendido contesto naturale ricco di vegetazione e, dall’alto della collina, domina il territorio sottostante. La sfiancante salita, intrapresa per giungere al Monastero dell’Escorial, è stata ripagata subito dall’emozionante visuale che è apparsa all’improvviso davanti ai miei occhi, una volta arrivata in cima. Ciò che mi ha colpita nell’immediato è stato il percepire l’imponenza della costruzione e l’originalità morfologico-architettonica delle coperture delle torri da cui si elevano alti e sottili pinnacoli. Altra gradita sorpresa è stata quella di constatare la presenza di fauna selvatica, come cigni e altri uccelli, che condividono in perfetta armonia l’habitat creato dall’uomo, i giardini del complesso monumentale. Dalle fotografie che ho scattato e pubblicato in questo blog potrete farvene già un’idea.

Escorial/il centro abitato

Vicino al complesso monumentale del Escorial si è sviluppato un piccolo centro abitato che accoglie i turisti offrendo alloggi, ristoranti e bar. Nel 2013 la zecca spagnola ha dedicato una moneta commemorativa da 2 euro al Monastero. Il sito ufficiale del Monastero è http://www.patrimonionacional.es/.

One thought on “ESCORIAL/advice for a weekend/consigli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*